Lombardia

Nelle vicinanze di Peschiera si ebbero certamente i primi insediamenti umani, questi antichi abitanti vivevano su palafitte, erano dediti all’agricoltura, e conoscevano già la vite come dimostrano i ritrovamenti, insieme ad altri reperti archeologici di epoca preistorica, avvenuti sulle colline moreniche vicino Sirmione e nelle vicinanze del lag...

Nelle vicinanze di Peschiera si ebbero certamente i primi insediamenti umani, questi antichi abitanti vivevano su palafitte, erano dediti all’agricoltura, e conoscevano già la vite come dimostrano i ritrovamenti, insieme ad altri reperti archeologici di epoca preistorica, avvenuti sulle colline moreniche vicino Sirmione e nelle vicinanze del lago di Iseo. Molto probabilmente la Lombardia è stato luogo di incontro del popolazioni retiche, provenienti dal nord, liguri ed etrusche provenienti da sud e certamente si scambiarono le loro esperienze in  fatto di agricoltura e vitivinicoltura. Seguirono i romani, che dopo aver conquistato quelle terre, con molta fatica, le bonificarono ed iniziarono a coltivare con razionalità dando un significativo impulso alla vicoltura. I vini della Lombardia ebbero sino a  tutto il periodo imperiale gloria e notorietà. Al crollo di Roma e ai secoli bui che seguirono, si ebbe il rischio della distruzione completa della vite; essa riuscì a sopravvivere e rifiorire nel medioevo, seppure con sistemi arcaici di allevamento. Nel XVI secolo si ebbero i primi significativi miglioramenti tanto nella viticoltura che nell’enologia: la vite era sorretta da palo secco e corto, ed aveva una corta potatura. Con la fine del XIX secolo l’oidio, la peronospora e la fillossera distrussero quasi completamente i vigneti. Dopo meno di cinquant’anni sono tornati a prosperare. Le zone lombarde a vocazione viticola presentano caratteri pedoclimatici molto diversi, che richiedono altrettante diversificate forme di allevamento. Infatti nell’Oltrepò pavese sono diffuse la spalliera e il Guyot singolo o multiplo, con tralci piegati o capovolti. Nel Bresciano e nel  bergamasco sono presenti la pergola trentina e il Sylvoz: Sulle colline moreniche si riscontrano ancora allevamenti a spalliera a sesti ristretti, con tralci piegati o capovolti, mentre sui terrazzamenti della Valtellina è diffuso il sistema guyot. Le diversificate necessità culturali, conseguenza delle accennate differenze climatiche e geo-pedologiche hanno suggerito ai viticoltori lombardi scelte di vitigni distinte per territorio.

Altro

Lombardia  Ci sono 26 prodotti.

per pagina
Mostrando 1 - 10 di 26 articoli
Mostrando 1 - 10 di 26 articoli